Sorgenti radioattive, esercitazione dei vigili del fuoco al Poma

I vigili del fuoco a caccia di sorgenti radioattive al Poma. Il 4 febbraio alle 14.30, nell’area verde adiacente all’Ufficio tecnico dell’ospedale di Mantova, si svolgerà un’esercitazione in collaborazione con il personale della struttura di Fisica Sanitaria, diretta da Giampietro Barai. Una squadra di dieci uomini del comando dei vigili del fuoco raggiungerà l’area deputata alla simulazione dove saranno assunte tutte le misure di sicurezza per testare le apparecchiature che individuano sorgenti radioattive.

I vigili del fuoco, muniti di tute di radioprotezione, radiometri e dosimetri, saranno assistiti dai professionisti della Fisica Sanitaria, competenti nel campo del controllo e della gestione dei rischi derivanti dalle sorgenti radioattive. All’interno della struttura operano quattro fisici specializzati in Fisica Medica, oltre al personale tecnico addestrato. L’Azienda Ospedaliera ha a disposizione strumenti sofisticati per individuare le fonti di pericolo derivanti da radiazioni radioattive e per determinarne il pericolo derivante per la popolazione.

Si tratta di una struttura di riferimento per l’intera provincia in questo campo, insieme al comando dei vigili del fuoco al quale è attribuita una competenza istituzionale per la tutela del rischio nucleare e radioattivo. La Fisica Medica, oltre all’attività alla gestione delle fonti radioattive, svolge la propria attività in ambito clinico come supporto indispensabile al medico nell’utilizzo di apparecchiature per diagnosi e terapia che basano il loro funzionamento sui principi della fisica applicata alla medicina.
 



Pagina aggiornata al: 26 Gennaio 2010