MALATTIA TERMINALE E SPERANZA, UN CONVEGNO IN SEMINARIO

Evento organizzato dal Dipartimento Interaziendale Provinciale Oncologico.
A confronto personalità del mondo della cultura, della fede, della sanità e del terzo settore con l’obiettivo di individuare i reali bisogni comunicativi del malato durante il percorso di cura e accompagnamento

MANTOVA, 13 Novembre 2012 - Sabato 17 novembre si terrà, a partire dalle 9, nell’Aula Magna del Seminario Vescovile di Mantova, il convegno I COLORI DELLA SPERANZA. LA SPERANZA COME DIMENSIONE DI CURA NELLA TERMINALITÁ. L’evento, organizzato dal Dipartimento Interaziendale Provinciale Oncologico di Mantova - DIPO, tratterà il tema della speranza nel percorso di accompagnamento alla persona in fase terminale ed avanzata della malattia con il coinvolgimento attivo di Asl di Mantova, Azienda Ospedaliera Carlo Poma, Casa di Cura San Clemente, Ospedale di Suzzara e Ospedale San Pellegrino - enti sanitari aderenti alla rete DIPO unitamente all’ Istituto Oncologico Mantovano. Un’occasione per discutere dei reali bisogni informativi e comunicativi del malato durante il suo percorso di malattia. Un’opportunità per consentire agli operatori sanitari e alle associazioni di volontariato di identificare gli strumenti essenziali a sostegno del paziente e dei suoi familiari. Sarà un momento di pura riflessione dell’agire integrato di diverse personalità appartenenti al mondo della cultura, della fede, della sanità e del terzo settore.

Per i trecento partecipanti iscritti, la giornata comincerà con il saluti del Vescovo di Mantova, Monsignor Roberto Busti, le autorità del territorio, il Direttore Generale di Asl Mantova Mauro Borelli, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma Luca Filippo Maria Stucchi, il Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Mantova Marco Collini e il Presidente del Collegio IPASVI Andrea Guandalini. Apriranno i lavori Adriano Di Marco, Direttore DIPO, e Luciano Orsi, Direttore Struttura Complessa Cure Palliative dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma. Durante la mattinata nella sessione “dal mito al tabu sino alla realtà” sarà affrontata, la tematica della speranza nel percorso mitologico, religioso, psicologico e sanitario da esponenti di settore quali Umberto Curi, Don Paolo Gibelli, Paola Aleotti e Arianna Cozzolino. Durante la sessione pomeridiana saranno discusse le dimensioni del tempo e dell’assistenza nella terminalità attraverso gli interventi di Piero Morino e di Eugenia Maliverni.


Successivamente sarà dato ampio spazio di discussione alle storie della malattia attraverso le testimonianze dei famigliari di pazienti e delle associazioni di volontariato IOM, Maria Bianchi e gli Sherpa. Il convegno si concluderà con l’intervento di Alessia Sempreboni sulla speranza di ricominciare con considerazioni finali di Luciano Orsi, Adriano Tadioli e Mario Morandi. Saranno presenti in veste di moderatori della giornata Sonia Ambroset – Psicologa dell’RSA San Pietro di Monza, Don Giovanni Sala – Assistente Spirituale dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano, Luca Filippo Maria Stucchi – Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma di Mantova, Germana Tommasini – Direttore Sociale dell’Asl di Mantova, Pier Paolo Vescovi - Direttore del Dipartimento Medico dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma. L’iniziativa, supportata dalla Diocesi di Mantova, è indirizzata alla cittadinanza, alle realtà del volontariato, ai professionisti della Sanità e a tutti coloro che sono toccati direttamente o indirettamente dalle penombre della terminalità.

Si ringrazia la Diocesi di Mantova, l’associazione di volontariato IOM e la società Globalmedia per aver contribuito in maniera significativa alla realizzazione dell’evento.
 



Pagina aggiornata al: 13 Novembre 2012