Giornata mondiale del rene, formazione e visite gratuite

Il 10 marzo 2011 ricorrerà per il sesto anno consecutivo la Giornata Mondiale del Rene, evento che guarda in prospettiva alla salute dei giovani, al futuro della medicina del rene e dei trapianti, promosso dalla Fir - Fondazione Italiana del Rene, congiuntamente alla Società di Nefrologia Italiana. In oltre cento paesi sono previsti una serie di eventi per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle malattie di questi importantissimi organi, che colpiscono con un ritmo allarmante sia in paesi in sviluppati che quelli in via di sviluppo. Le cinque scorse edizioni dell’iniziativa hanno coinvolto quasi un migliaio di cittadini, 400 dei quali hanno attuato lo screening renale completo, partecipando così al programma nazionale.

Per fornire anche ai cittadini mantovani l’occasione di un’informazione adeguata e un primo passo verso la prevenzione renale, il Direttore di Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma Renzo Tarchini, e la Presidentessa del Comitato Provinciale CRI di Mantova Leda Mazzocchi hanno costruito un breve percorso formativo per i volontari della CRI Mantovana e per i pazienti, toccando anche i temi dell’assistenza ai pazienti dializzati e della donazione e del trapianto di rene nella serata di mercoledì 23 febbraio presso la sede CRI. Anche il Rotary Club di Mantova, sensibile al tema, dedicherà la sua conviviale di lunedì 7 marzo a questo tema, affidando a Renzo Tarchini il compito di analizzare gli scenari attuali ed esplorare il futuro della medicina del rene.

Il vero contatto informativo con la popolazione avverrà poi nell’arco di tutta la giornata di giovedì 10 marzo, quando in via Pescheria dalle 9 alle 17, l’équipe medica della Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma e i volontari della Cri di Mantova saranno a disposizione di tutti i cittadini per visite gratuite nel Gazebo della CRI. In tale occasione, tutti coloro che si lo desidereranno potranno fornire i loro dati essenziali e riceveranno la misurazione della pressione arteriosa e un esame stick delle urine, per conoscere le condizioni dei loro reni.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che una persona su 10 sia affetta da una patologia renale e nella maggioranza dei casi senza neppure saperlo: ancor oggi di frequente la malattia evolve senza segni evidenti e molti individui si trovano all’improvviso di fronte alla condizione d’insufficienza renale terminale. Attualmente, nella provincia di Mantova si riscontrano più di 70 casi all’anno e molti di essi possono continuare a vivere solo grazie al rene artificiale o al trapianto di un rene.
Le cause più comuni che portano all’insufficienza renale sono il diabete e l’ipertensione arteriosa. Il 72 per cento dei dializzati nel mondo sono pazienti diabetici o ipertesi. Il diabete - sostengono i nefrologi - si complica con il danno renale per il 40 per cento dei casi. Ma prevenire è possibile: il controllo del diabete e della pressione arteriosa può bloccare l’evoluzione del danno renale verso la dialisi.

La Giornata Mondiale del Rene rappresenta così un’opportunità per avvicinare i cittadini al tema della cura delle patologie renali e consentire una capillare diffusione delle informazioni relative alla diagnosi precoce. A Mantova in questi anni la partecipazione e la condivisione tra professionisti dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma e le Associazioni di Volontariato in ambito sociale e sanitario, tra le quali spicca l’attiva collaborazione della Croce Rossa Italiana locale, ha permesso la realizzazione di moltiplici iniziative nel territorio in tale ambito.

 





Pagina aggiornata al: 01 Marzo 2011