Conciliazione famiglia-lavoro, arriva l'asilo nido aziendale

Ospiterà 48 bambini per due turni, sarà aperto ininterrottamente dal lunedì al venerdì dalle 6.30 alle 21.30 (il sabato fino alle 14.30) e offrirà ai dipendenti la possibilità di conciliare le esigenze del lavoro con quelle della famiglia. Aprirà nell’aprile 2013 il nuovo Asilo Nido dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma, pensato per favorire la vicinanza con i propri figli nei luoghi di lavoro. La gestione della struttura, che sarà collocata nel padiglione 8, denominato “ex emodialisi”, del vecchio ospedale di Mantova, è appaltata all’Asilo Nido Santa Maria, struttura d’eccellenza educativa nell’ambito della prima infanzia . Anche gli ambienti, la cui progettazione è stata curata dall’Architetto Fabio Guberti, sono espressione di una tensione innovativa volta a rendere familiari e stimolanti gli spazi che accoglieranno i bambini. Decisivo l’impegno e la collaborazione di Intesa San Paolo che ha creduto dall’inizio a questo progetto contribuendo con un grande sostegno.
Oggi le famiglie con bambini sono portatrici di bisogni specifici che richiedono soluzioni personalizzate. Un esempio di questi è la conciliazione vita-lavoro che vede la necessità di dare risposte soprattutto alle donne lavoratrici sul fronte dell’istruzione e della cura dei propri figli. L’Asilo Nido Aziendale si pone come strumento per migliorare i servizi sociali e favorire l’incremento della natalità nel rispetto della famiglia e della libera scelta delle donne in ambito lavorativo.
 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI E PRE-ISCRIZIONI E’ POSSIBILE TELEFONARE AL NUMERO 334/7964560 DAL LUNEDI’ AL VENERDI DALLE 9 ALLE 16.

Il nuovo asilo del Poma possiede i requisiti previsti dalle norme vigenti in materia di urbanistica, edilizia, sicurezza degli impianti e delle attrezzature. L’Asilo Nido Aziendale deve offrire un contesto di relazioni, sviluppo e apprendimento con il fine di sostenere la progressiva differenziazione e il consolidamento dell’identità individuale dei bimbi contenendo e modulando le ansie della prima età e contemporaneamente sostenendo le relazioni con i genitori. Verranno proposte nuove relazioni significative con adulti professionalmente preparati e con altri bambini; nuove forme di apprendimento collaborativo per stimolare la pluralità di linguaggi espressivi; sensibilizzando al rispetto delle prime regole sociali.
Particolare attenzione è stata dedicata alle scelte e alle soluzioni relative ai turni del personale educativo e ausiliario, volte a fornire un servizio di massima elasticità e aderenza alle differenti e specifiche necessità delle mamme.

foto1

 

Gli obiettivi principali:
o Miglioramento della qualità di vita dei lavoratori considerando la riduzione del tempo da dedicare alla ricerca dell’asilo e all’accompagnamento dei figli in un’altra struttura;
o Ridurre i tempi di reinserimento dei lavoratori dal congedo parentale.;
o Dare la possibilità alle madri di investire nella propria carriera professionale.

Progetto pedagogico
Il progetto pedagogico si attua attraverso :
- risorse professionali
- spazi:
- caratteristiche della struttura
- caratteristiche degli ambienti (criteri e articolazione)
- tempi e ritmi della giornata educativa:
- accoglienza e il commiato
- routines
- gioco
- interazioni tra pari
- inserimento
- rapporti con i genitori e sostegno alla genitorialità.

 

 Organizzazione degli spazi
L’asilo nido deve garantire una buona organizzazione degli ambienti destinati al servizio e alle diverse attività ludico-educative. La struttura è suddivisa in ambienti specifici, quali:
• ingresso dove i piccoli ospiti lasciano i loro zainetti;
• zona allattamento
• ampio salone dove giocare e svolgere le varie attività didattiche;
• zona sonno con culle e lettini;
• locali igienici per la pulizia personale;
• zona pappa dove viene distribuito il pranzo;
• segreteria;
• locale per il ricevimento dei genitori;
• bagno e spogliatoi per il personale;
• spazi attrezzati all’aperto.

 

In Lombardia
In Lombardia sono state individuate 141 strutture tra silo nido aziendali, interaziendali micronidi e nidi convenzionati. Gli asili nido aziendali, strutture riconducibili a un solo soggetto giuridico (aziende di grosse dimensioni e ospedali) e destinate ai figli dei dipendenti delle stesse, sono i più rappresentati (86). La metà di tali strutture per la cura dell’infanzia è stato rilevata nel territorio di Milano (47.5 per cento), seguono Brescia (12.1 per cento), Varese (9.9 per cento) Bergamo (6.3 per cento). Mantova si colloca in Lombardia al terz ’ultimo posto con un 2.1 per cento, seguita da Lodi (1.4 per cento). A Sondrio non esiste nessuna struttura.
Gli asili aziendali, nell’ambito degli enti pubblici, sono fortemente presenti in Comuni e Ospedali. Sono 67 i soggetti pubblici collegati a strutture di nidi aziendali fra cui: la nuova sede di regione Lombardia (Milano), 30 Comuni, 22 ospedali, 6 strutture di assistenza alla persona, 4 università, 1 carcere.

 

nido 2



Pagina aggiornata al: 15 Novembre 2012