Cardiochirurgia e Ortopedia, macchinari all'avanguardia

Un macchinario per l’assistenza cuore-polmone destinato gli interventi di Cardiochirurgia e un’apparecchiatura per la radioscopia che consente di acquisire immagini tridimensionali utilizzata in Ortopedia. Sono stati acquistati dall’Azienda Ospedaliera Carlo Poma grazie a un contributo della Fondazione Cariverona. Un altro passo avanti sulla strada dell’innovazione tecnologica che permetterà di fornire ai pazienti una risposta sempre più adeguata alla domanda di salute.
La spesa complessiva ammonta a 308.904 euro, di cui 120.000 donati dalla Fondazione Cariverona, rappresentata oggi in direzione generale dal consigliere Maurizio Lotti che, dopo la presentazione del sistema di analisi del movimento di Bozzolo (nella giornata di ieri) – che ha contato sempre sulla generosità della fondazione – ha ribadito l’attenzione di Cariverona verso la tecnologia e la ricerca: “E’ un settore sul quale puntare, servono idee da sviluppare. Siamo orgogliosi di aiutare un’azienda che ha dato prova in tutte le occasioni di grande efficienza”.
Il direttore generale Luca Stucchi ha ricordato il sostegno della Regione ai progetti che pongono la sanità all’avanguardia. Concetto ribadito dal vice presidente del consiglio regionale Enzo Lucchini: “La sanità mantovana è una sanità d’eccellenza in Lombardia”.
Entrambi i macchinari, oltre a sfruttare i vantaggio dell’ata tecnologia, sono portatili e maneggevoli. Le caratteristiche sono state illustrate da Lucio Attoli, direttore della struttura di Ingegneria Clinica, dal direttore della struttura di Cardiochirurgia Mario Zogno e dal direttore della struttura di Ortopedia Lodovico Renzi Brivio. In particolare, la macchina per l’assistenza cuore-polmone consente la circolazione extra-corporea per i pazienti sottoposti a interventi di cardiochirurgia. L’altro strumento, invece, dà la possibilità di acquisire immagini più precise per poi procedere a interventi di chirurgia miniinvasiva. Alla presentazione hanno partecipato anche il direttore sanitario Pier Vincenzo Storti, il direttore amministrativo Anna Gerola, il direttore della struttura di Fisica Sanitaria Giampietro Barai e il direttore del Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare Roberto Zanini.


Pagina aggiornata al: 30 Marzo 2010