A Mantova la struttura di Neurochirurgia

L’Azienda Ospedaliera Carlo Poma avrà una struttura di Neurochirurgia. Come annunciato ieri dal presidente di Regione Lombardia Roberto Formigoni durante la sua visita in città, anche i mantovani potranno usufruire di un servizio dedicato. Attualmente i pazienti che necessitano di prestazioni neurochirurgiche, vengono curati nelle province e regioni limitrofe, principalmente a Cremona, Verona, Brescia e Parma. Nel 2009, i casi di mantovani sottoposti a intervento chirurgico fuori dalla provincia sono stati 450, 152 i trasferimenti di pazienti da parte del 118 verso altri ospedali. Oltre ad evitare gli spostamenti in altri centri, per le urgenze sarà possibile effettuare interventi in modo più rapido, considerando che il tempo è una variabile fondamentale in Neurochirurgia. Entro fine maggio, infatti, la Giunta Regionale delibererà il progetto.

Luca Stucchi, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera, spiega che la nascita della struttura porta a compimento e perfeziona l’offerta già in parte fornita ai cittadini mantovani: “Attualmente esiste un accordo con l’Università e gli Spedali Civili di Brescia per garantire l’attività operatoria più semplice e le consulenze sia in corsia, sia attraverso la telemedicina”. Regione Lombardia ha accolto la proposta dell’Azienda Ospedaliera Carlo Poma, che punta a una risposta completa alla domanda di salute del territorio, e sta definendo insieme ai professionisti coinvolti modalità e tempi d’azione. “L’attivazione di una struttura di Neurochirurgia a Mantova – commenta l’assessore regionale alla Semplificazione e Digitalizzazione Carlo Maccari - assicurerà a città e provincia un presidio fondamentale per intervenire su casi anche urgenti oggi dirottati altrove, traducendosi in maggiore tempestività d’intervento e relativa facilità d’accesso alle strutture per pazienti e familiari. Uno sforzo ribadito ieri dal Presidente Formigoni, che entro fine mese ufficializzeremo in Giunta e che conferma il grande impegno di Regione Lombardia in tema di sanità, oltre che di ulteriore attenzione verso il territorio mantovano”.


 



Pagina aggiornata al: 13 Maggio 2011