Donazione multiorgano al Poma, continua il trend positivo

L’Azienda Ospedaliera Carlo Poma apre il 2011 con un’altra donazione multiorgano. Negli ultimi mesi del 2010, infatti, tre donazioni multiorgano erano andate a buon fine e hanno permesso a diversi pazienti di tornare alla vita. Continua, quindi, il trend positivo. Nell’ultimo caso si tratta di un paziente ricoverato nella struttura di Anestesia e Rianimazione, diretta da Rolando Paladini. Il malato, nella serata dell'8 febbraio, ha evidenziato i segni della "morte cerebrale". I familiari hanno deciso di consentire la donazione degli organi. Come da procedura, è stata quindi riunita la Commissione per l'accertamento della morte cerebrale, contattato il Centro trapianti di Milano (NITp) , allertati i medici del prelievo. Nella notte tra l’8 e il 9 febbraio si è quindi proceduto al prelievo degli organi e al successivo trapianto.

Gli organi e i tessuti donati sono stati i seguenti: il fegato, destinato a Padova, i reni trapiantati l’uno a Brescia e l'altro a Varese, il pancreas al San Raffaele a Milano, il tessuto osseo al Gaetano Pini a MIlano, le cornee a Mantova. I pazienti trapiantati, grazie alla donazione, potranno reinserirsi nella vita affettiva e sociale, quai una rinascita per loro. Pertanto, la direzione strategica dell’Azienda Carlo Poma nella figura del direttore generale Luca Stucchi, e Rolando Paladini, direttore della Rianimazione e Coordinatore Locale al Prelievo della Regione Lombardia, ringraziano pubblicamente i familiari che hanno donato, per il loro gesto di grande civismo e solidarietà umana. Similmente ringraziano tutto il personale dell'Azienda Carlo Poma, che con il loro lavoro e professionalità ha consentito che il prelievo di organi avvenisse con successo.

Nel 2010 (dati preliminari 30 settembre 2010) i donatori effettivi sono stati 18,3 in Italia, 21,5 in Regione Lombardia. Per arginare la flessione che si è registrata nell’anno 2010, la Regione si è impegnata a promuovere la cultura della donazione degli organi e dei trapianti. In tale panorama il territorio di Mantova e provincia ha continuato a rispondere in modo positivo e con un trend crescente a tale aspettativa. Nel 2010 i donatori segnalati sono stati 5, 3 gli effettivi. Nel 2011, ad oggi, i donatori segnalati sono stati 2 e 1 effettivo.



Pagina aggiornata al: 14 Febbraio 2011