Prevenzione renale e vascolare a Mantova

Il 4 e il 5 giugno, si svolgerà il convegno La prevenzione in Nefrologia Dialisi e Trapianto, presso l' Associazione degli industriali della Provincia di Mantova, via Portazzolo 9 Mantova. Il giorno seguente, nella medesima sede si terrà il corso di formazione Qualità e responsabilità nell' assistenza in Nefrodialisi, rivolto al personale infermieristico.
Entrambi gli incontri sono a curati dalla Struttura Complessa di Nefrologia  e Dialisi dell'Azienda Ospedaliera Carlo Poma

Per la sesta volta in 12 anni, durante le giornate del 4 e 5 giugno i massimi esperti italiani di malattie renali e di prevenzione cardiovascolare daranno ampio spazio alla prevenzione, all’innovazione ed alla comunicazione a Mantova, nella Sala conferenze dell’Associazione degli Industriali di Via Portazzolo 9, di fronte a Medici Nefrologi, diabetologi e Medici di Famiglia della nostra Provincia.
Si confronteranno sulle misure da attuare per ridurre lo spettro della malattia renale cronica, dell’uremia e della dialisi, che ogni anno colpisce sempre più persone, con un tasso d’incremento che, nella nostra regione, ha raggiunto il 4,5 % in più all’anno dei pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale, con dialisi o trapianto, secondo il RLDT, registro regionale dedicato. 
 
 Il prof. Antonio Dal Canton, presidente dei Nefrologi italiani, valuterà le procedure attuali e altri Ricercatori, presenteranno i risultati dei grandi studi internazionali sulla terapia dell’anemia, sulla prevenzione dei rischi e degli eventi cardiovascolari e sulle fondamentali innovazioni tecnologiche nelle tecniche terapeutiche che sostituiscono i reni ammalati.
Sabato mattina per la prima volta in Italia, sarà presentata una ricerca epidemiologica realizzata per individuare il percorso di malattia, le cause precoci e le concause che costringono il paziente alla dialisi o al trapianto, Attuata sui dati raccolti dai ricercatori dell’Osservatorio Epidemiologico della nostra ASL, coordinati dal dr. Paolo Ricci e inquadrata scientificamente dal prof. Albino Poli, epidemiologo di Verona, la ricerca presenterà ai medici di famiglia, invitati a dare il loro contributo professionale al dibattito, le indicazioni sulle misure utili per tutti.
Gli studi di popolazione sono possibili solo grazie ai sistemi informatici che la nostra Regione ha fortemente voluto negli ultimi anni e che sta ulteriormente sviluppando, con l’obiettivo di raggiungere tutti gli operatori sanitari e tutti i pazienti, raccogliendo ed elaborando i dati necessari a riconoscere dove e come insorgono e come sono curate le malattie, semplificando sempre più l’accesso ai servizi erogati in tempi ragionevoli e fornendo sempre maggiori certezze ai cittadini che si rivolgono al Servizio Sanitario Pubblico( Reti Regionali di Patologia). 
 

Non mancherà lo sviluppo di temi ancora poco noti ma di nuovo e particolare interesse, come la tossicità renale di alcune piante, che possono entrare in miscele fitoterapiche ritenute innocue e produrre lesioni acute anche gravi e permanenti (dalla Nefrite interstiziale al “blocco renale”) e le strette connessioni nella malattia e nella cura tra Rene e Diabete.
Alla luce delle più attuali scoperte scientifiche e delle innovazioni farmacologiche e tecniche, ai medici partecipanti saranno forniti i migliori suggerimenti terapeutici, secondo le più recenti linee guida europee ed internazionali - valide anche per i pazienti già in trattamento sostitutivo e per i trapiantati renali - allo scopo di migliorare la qualità della loro vita .
Porte aperte all’incontro con i Medici di Famiglia, ai quali è dedicata larga parte della mattinata di sabato: la Dott.ssa Emanuela Saccardi, Medico di Medicina Generale a Roverbella, si confronterà e porrà quesiti pratici ai Clinici, fra cui il prof. Pierpaolo Vescovi, stimato Direttore di Struttura del Dipartimento Medico al Poma.
 

La partecipazione di autorevoli docenti delle Università e clinici dei grandi ospedali di Pavia, Milano, Brescia, Verona, Treviso, Bologna, Firenze, Roma e Bari, animerà il confronto con le competenze professionali mantovane, per crescere insieme nel contesto di una rete di patologia, impiegando le migliori competenze e conoscenze nella prevenzione e cura precoce della malattia renale.

Il domenica 6 giugno, si sviluppa un corso di aggiornamento accreditato ECM rivolto agli infermieri, intorno al tema della Qualità e della Responsabilità professionale nell’assistenza al paziente in trattamento. Il modello formativo, che promette di ripetere il successo delle 3 edizioni precedenti, si articola con contributi di relatori esperti nel campo professionale, normativo, tecnico e organizzativo, e con tavoli di confronto di gruppi di lavoro dei partecipanti.

 

Scarica il Programma Convegno
Scarca il Programma Corso di Formazione


 



Pagina aggiornata al: 25 Maggio 2010